SERVIZI

Mediazione familiare

- Fedor Dostoevskij - E’ nella separazione che si sente e si capisce la forza con cui si ama

A chi si rivolge

La mediazione familiare è un percorso di sostegno rivolto alle famiglie e alle coppie in difficoltà nei casi di conflittualità prima, durante o dopo la separazione o divorzio.

Processo metodologico

La mediazione familiare può essere definita come un processo metodologico professionale che consente ai diretti interessati di risolvere problematiche divergenti anche accompagnate da un livello altissimo di conflittualità, utilizzando le proprie risorse e competenze, assistiti da un mediatore, senza ricorrere ad un giudice terzo che decide per loro.

Quando è richiesta

Ovviamente il supporto di un mediatore nella delicatissima fase di definizione degli accordi di separazione assume un’importanza fondamentale in quanto l’adeguatezza degli accordi presi corrisponde anche alla possibilità che questi ultimi possano poi durare nel tempo.

Dott.ssa Loredana Luise

Consulente in Mediazione Familiare

Nella nostra società le situazioni di separazione sono in continua crescita e la complessità degli aspetti che seguono di fatto la separazione assumono sempre più carattere articolato e vario viste le nuove tendenze di creazione di famiglie allargate o simili.

A chi si rivolge +

Lo stato emotivo di chi si trova a dover affrontare una separazione è accompagnato da una serie di stati d’animo così complessi e particolari che sicuramente influiscono sulle decisioni da prendere e sull’intenzionalità di queste ultime. Il divorzio di fatto è l’effetto ultimo della fine di un matrimonio e di un amore, di un legame voluto o di un progetto di vita sul quale in qualche modo le persone hanno investito personalmente, e corrisponde alla necessità di dover accettare una grande perdita. Affrontare la fine di un matrimonio corrisponde al dover accettare il lutto di una parte importante di sé e della propria immagine interna. Non è solo la perdita della persona amata, ma è il veder svanire tutto ciò su cui si è fatto progetti e si è investito personalmente e questo può avere pesanti conseguenze sull’autostima di chi si trova ad affrontare una simile situazione. Spesso i coniugi hanno investito in maniera diversa nell’esperienza matrimoniale e, per motivi culturali o di crescita personale, affrontano questo difficile momento di separazione in modi completamente diversi. Quando dal matrimonio inoltre sono nati dei figli la situazione emotiva si complica ulteriormente perché la preoccupazione delle ripercussioni che questa situazione avrà sulla crescita dei figli favorisce solo un ulteriore motivo di insicurezza e di ansia predittiva.

Il ruolo del mediatore +

In questo intricato substrato emotivo mi trovo ad operare da mediatore e, consapevole di svolgere questo ruolo e non quello di un terapeuta in questa situazione, accompagno la coppia nella stesura di un accordo più dignitoso ed efficace possibile per entrambe le parti e per i figli qualora vi fossero.

La Mediazione per prendere coscienza +

Gli aspetti che caratterizzano e definiscono un processo di mediazione familiare sono molteplici, ma la specificità di questo percorso credo stia proprio nel fatto che dia la possibilità ai soggetti di prendere coscienza della situazione, rileggendo i risvolti emotivi, traducendoli in esigenze affrontabili concretamente e prendendo via via coscienza che si può essere protagonisti della nuova situazione senza subirla per delega al partner più forte o all’avvocato o, in terza istanza, al giudice: Inoltre, qualora non vi siano figli, l’importanza di raggiungere un buon accordo di separazione tutela le persone dal mantenere atteggiamenti frustranti di sensi di colpa o di occasioni perdute che non permettono loro poi di poter procedere nel loro percorso di vita in modo sano e costruttivo.

I Figli +

Nelle situazioni in cui ci siano dei figli è fondamentale evitare che questi vengano utilizzati come strumenti di ripicca o recriminazione, e credo che il successo più grande di un buon processo di mediazione (qualora ce ne siano le minime condizioni) sia quello di poter dare la possibilità ai figli dei separandi di poter sempre riconoscere i loro genitori come singole entità e anche come membri di una coppia genitoriale, che, nonostante non condivida più un percorso di coppia, condividerà per sempre con loro il fatto che fanno parte di una coppia genitoriale che li seguirà nel loro percorso di crescita.

Tutto andrà bene alla fine. Se non va bene allora non è la fine.

John Lennon

Io posso sentirmi colpevole per il passato, apprensivo per il futuro, ma posso agire solo nel presente. L’abilità di essere nel momento presente è una componente fondamentale del benessere mentale.

Abraham Maslow

Un obiettivo senza una data è solo un sogno.

Milton Erickson
Rimaniamo in contatto

Prenota un Appuntamento

    CONTATTAMI
    Colloqui da remoto con Skype

    Colloqui on line

    Negli ultimi due anni il concetto di accessibilità ai servizi ha subito un vero e proprio stravolgimento. Ormai ci siamo abituati alla possibilità di poter usufruire dei servizi attraverso diverse modalità e siamo anche pronti ad affrontare eventuali futuri ulteriori impedimenti di spostamento. A tale scopo nelle situazioni in cui la presenza fosse resa impossibile da situazioni particolari, offro la possibilità di usufruire dei colloqui on line attraverso la piattaforma Skype. Le modalità organizzative verranno definite con contatto telefonico.

    Dottoressa Loredana Luise

    Psicologa e Psicoterapeuta

    Dott.ssa Loredana Luise – P.I. 03014390300 – Num.Iscriz.Albo FVG270 © 2021 Tutti i Diritti sono Riservati